Contatore Visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi57
mod_vvisit_counterIeri78
mod_vvisit_counterQuesta Settimana57
mod_vvisit_counterSettimana Scorsa451
mod_vvisit_counterQuesto Mese641
mod_vvisit_counterMese Scorso1938
mod_vvisit_counterTotale196633

Gli Scout d'Europa conquistano gli alunni delle Scienze Umane

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

foto scoutLa storia della Pedagogia del XX secolo è ricchissima di orientamenti e modelli educativi che hanno trasformato interi sistemi sociali e influenzato profondamente la vita di milioni di persone. Lo scoutismo è uno dei movimenti più popolari e diffusi al mondo e gli alunni del Liceo delle Scienze Umane, la mattina del 7 febbraio nell’aula magna dell’Istituto Magistrale, hanno potuto capirne il significato e i principi fondanti dalla viva voce di alcuni responsabili Scout.

Il senso di responsabilità, l’importanza della scoperta e del rispetto verso la persona e il creato, il valore della pratica manuale e dell’autonomia, sono alcuni dei temi che gli ospiti hanno spiegato e affrontato in un inteso e vivace dialogo con i giovani studenti presenti. Emanuele Chiarinelli, capo gruppo dell’Associazione Scout di Rieti, Simona Adriani, responsabile scout femminile, David Adriani, rappresentante scout dei ‘lupetti’, Marco Mezzanotte, ‘Capo Clan’, ovvero dei ragazzi che hanno compiuto già la maggiore età, insieme a Camilla Conti, Riccardo Cedrone ed Emanuele Benedetti, sono interventi chiarendo uno dei principali obiettivi dello scoutismo, formare dei “buoni cittadini”, utili alla società ma anche autonomi nelle scelte personali. Gli studenti delle classi presenti, 4°C , 5°B e 5°C, hanno posto interessanti e inattese domande alle quali gli intervenuti non si sono sottratti, protraendo l’incontro oltre i tempi previsti.

Nel corso dell’intervento sono stati ricordati i tratti più importanti della vita del fondatore dello scoutismo, Baden Powell, colui che ebbe la fortunata intuizione di formare un gruppo di ragazzi che sapessero divertirsi all’aria aperta, e non solo tra le “quattro mura” della propria casa, fortificando così il proprio carattere e imparando ad affrontare la vita con serenità e coraggio. L’approfondimento che gli alunni hanno potuto effettuare è stata una vera e propria lezione di pedagogia, una tappa del percorso di avvicinamento delle quinte classi coinvolte, verso l’Esame di Stato che tra qualche mese dovranno affrontare.

 

Pubblicato su "Il mondo sabino" l'11 Febbraio 2015

Scritto da Marta Benedetti - Marta Bianchetti - Margherita Carotti